Change language

La misoginia è probabilmente la tendenza più problematica del 2023

La misoginia è probabilmente la tendenza più problematica del 2023: ecco quanto è grave la discriminazione nei confronti delle donne

"Alfa males", regimi politici misogini e presentatori televisivi sessisti: uno sguardo in giro per il mondo mostra che abbiamo ancora molta strada da fare nella lotta alla misoginia.

Chiunque pensi che il problema della misoginia abbia cessato da tempo di essere un problema nel nostro mondo illuminato e femminista si sbaglia. L'anno scorso sono state le Olimpiadi della misoginia. E il 2023 non è iniziato meglio.

La misoginia è probabilmente la tendenza più problematica che ci siamo portati via dal 2022.

Diamo uno sguardo al mondo intero:

Negli Stati Uniti, nel 2022 la Corte Suprema ha abolito il diritto universale all'aborto "Roe v. Wade" e ha permesso a tutti gli Stati di decidere autonomamente sul diritto all'aborto. Di conseguenza, molti Stati conservatori hanno norme che equivalgono a un divieto di aborto.

In Iran, i manifestanti e i loro parenti che sostengono l'indipendenza delle donne e si oppongono al regime dei Mullah sono stati perseguitati e uccisi. E lo sono ancora.

In Afghanistan, alle ragazze e alle donne è stato vietato di frequentare gli istituti di istruzione secondaria, come le scuole superiori e i college, dopo l'emancipazione talebana del dicembre 2022.

Andrew Tate, autoproclamatosi "alfa male" e presunto trafficante, nel 2022 ha raccolto circa 5 milioni di follower su TikTok, che lo hanno ascoltato mentre diceva che l'unico modo per avere successo nella vita è un comportamento egoista e dominatore nei confronti delle donne.

Internet ha incitato contro Amber Heard come persona manipolatrice e ingannevole, soprattutto nella prima metà del 2022, nonostante ci fossero già prove concrete che avesse subito violenze domestiche dall'ex marito Johnny Depp.

Anche se oggi si parla molto di più di uguaglianza, la misoginia è ancora molto diffusa nella nostra società. Anche altre star internazionali non sono state risparmiate dalla misoginia nel recente passato, subendo quotidianamente ogni tipo di discriminazione, dal body-shaming all'ageismo.

"Viviamo in un mondo che si rifiuta di celebrare le donne oltre i 45 anni e sente il bisogno di punirle se continuano a esibirsi con forza, a lavorare sodo e a essere avventurose".Madonna

Consideriamo Madonna, che ai Grammy del 2023 ha pronunciato un discorso sfolgorante sul potere della ribellione e successivamente è stata inondata di commenti ingiuriosi online sulla sua età e sulla chirurgia plastica. "Ancora una volta sono stata presa nel fuoco incrociato dell'ageismo e della misoginia che permea il mondo in cui viviamo", ha commentato la cantante su Instagram.

"Viviamo in un mondo che si rifiuta di celebrare le donne oltre i 45 anni e sente il bisogno di punirle se continuano a esibirsi con forza, a lavorare sodo e a essere avventurose".

Selena Gomez è stata anche vittima ricorrente di insulti sessisti online. Per esempio, il suo peso ai Golden Globes 2023 è stato criticato a tal punto che la cantante si è sentita costretta a rilasciare una dichiarazione via TikTok: "Tendo a soffrire di ritenzione idrica, motivo per cui il mio peso fluttua molto di tanto in tanto", ha spiegato in riferimento ai farmaci che assume per la sua malattia autoimmune LES. Il fatto che si sia sentita in dovere di rivelare dettagli così privati è il vero scandalo. Perché nessuna donna dovrebbe mai giustificare il proprio corpo.

Nel frattempo, le voci su una presunta lite tra Hailey Bieber, Kylie Jenner e Selena Gomez hanno assunto tratti misogini, mentre tutte e tre sono state etichettate come furie irrazionali in rete.

La misoginia amareggia la vita quotidiana di molti

L'elenco delle discriminazioni misogine continua – e non in silenzio, ma sul grande palcoscenico televisivo. Ad esempio, nel 2022 il beniamino della TV Thomas Gottschalk ha lanciato una serie di commenti sessisti nei confronti della sua co-conduttrice Michelle Hunziker durante il revival "Wetten, dass…?". Non solo si rivolge a lei con vezzeggiativi e sminuizioni inappropriate, come "Fräulein", ma le chiede anche di pulire lui e gli ospiti durante le riprese.

Anche la nomina dell'ex giurato Dieter Bohlen per l'ultima stagione di "Deutschland sucht den Superstar" su RTL si è ritorta contro di lui in modo grandioso. Soprattutto perché la collega giurata e rapper Katja Krasavice non ha più mostrato alcuna indulgenza per gli slogan misogini (per fortuna!) e ha criticato aspramente Dieter Bohlen in varie interviste per il suo comportamento sessista davanti e dietro la telecamera.

Non vogliamo ripetere qui nessuno dei suoi commenti, ma questo si può dire: sono quasi tutti rivolti all'aspetto o alla presunta intelligenza delle concorrenti femminili, motivo per cui nell'ultima stagione del talent show si è sentito di tutto, dalla fatofobia al rifiuto.

Oh sì, e poi c'è stato il dibattito inutilmente prolungato sul fatto che "Layla", una canzone grondante di sessismo, debba essere suonata o meno ai festival folk per famiglie. E non parliamo poi di Oliver Pocher e del suo Influence:rinnen shaming.

Il futuro sembra migliore, non è vero?

Ora potreste dire: beh, questi sono tutti presentatori televisivi e format un po' obsoleti, che presto spariranno dal panorama mediatico per lasciare spazio a qualcosa di nuovo. Ma in realtà le prospettive per il futuro non sono molto più rosee. Molti sviluppi del presente portano infatti una firma misogina e dimostrano quanto lavoro il femminismo debba ancora fare.

Che si tratti del clamore di Ozempic e del nuovo boom dell'industria dietetica, del ritorno dell'heroin chic nella moda, del revival del Victoria Secret Show, dell'intelligenza artificiale misogina (sì, proprio così!) o di Twitter sotto la guida di Elon Musk, che vuole fare a meno di cancellare i commenti misogini o bloccare gli account discriminatori. Sono tutti sviluppi che sostengono vecchi standard di bellezza per i (corpi) femminili o – come nel caso di Elon Musk – vogliono fare da sfondo a persone che condannano e insultano pubblicamente le donne.

La misoginia è un sistema a cui quasi tutti partecipano, consciamente o inconsciamente. Sarebbe sbagliato dire che la misoginia sta vivendo una rinascita – la verità è che non è mai scomparsa. E la lotta contro di essa durerà probabilmente molto più a lungo di quanto molti sospettino.

Anche perché la misoginia non è solo un fenomeno che nasce nella mente di "uomini cattivi". È un'intera industria e un sistema sociale che continua ad aprire le porte alla misoginia. E si fa sentire in tutto, dalle faide apparentemente innocue tra celebrità alle leggi sull'aborto.

"Nonostante l'ubiquità degli scandali misogini, la lotta al sessismo è ancora in gran parte affidata alle vittime femminili".

Un altro problema: nonostante l'ubiquità degli scandali misogini, la lotta contro il sessismo è ancora in gran parte lasciata alle vittime femminili che soffrono di più. Se si reagisce in modo troppo forte o emotivo come donna, si rischia di essere liquidati come stridenti. Se vi soffermate troppo su un incidente, è probabile che vi sentiate dire che dovreste usare le vostre energie per cose più importanti. In realtà, non esiste una gerarchia della misoginia – benigna o palese, grande o piccola, pubblica o privata, online o offline, esplicita o implicita. Tutto è importante e tutto giustifica l'indignazione.

La morale della storia?

La morale della storia? Nel 2023 sapremo esattamente cosa dire quando qualcuno al bar affermerà che le donne non sono più discriminate. E abbiamo già abbastanza esempi, perché non si può andare avanti così!

Scritto da Michael Zippo

Michael Zippo, Webmaster ed editore appassionato, si distingue per la sua versatilità nella divulgazione online. Attraverso il suo blog, esplora argomenti che vanno dal patrimonio delle celebrità alle dinamiche aziendali, all'economia e agli sviluppi dell'IT e della programmazione. La sua presenza professionale su LinkedIn - https://www.linkedin.com/in/michael-zippo-9136441b1/ - riflette la sua dedizione al settore, mentre la gestione di piattaforme come EmergeSocial.NET e theworldtimes.org evidenzia la sua esperienza nella creazione di contenuti informativi e tempestivi. Coinvolto in progetti significativi come python.engineering, Michael offre un'esperienza unica nel mondo digitale, invitando il pubblico a esplorare con lui le molteplici sfaccettature online.

News

News archive

3/2024 » 2/2024 » 1/2024 » 12/2023 » 11/2023 » 10/2023 » 9/2023 » 8/2023 » 7/2023 » 6/2023 » 5/2023 » 4/2023 »